FLASH MOB 4 OTTOBRE: POPPATA DI GRUPPO IN MAGLIETTA BIANCA

Care mamme,

 

Siete pronte?!!!

 

Come anticipatovi, abbiamo aderito con grande entusiasmo all’iniziativa promossa dal MAMI. Quella che è appena iniziata è, infatti, la Settimana Mondiale dell’Allattamento Materno: un appuntamento importante che si ripete ogni anno e che raccoglie l’impegno di tutti coloro che promuovono e sostengono l’allattamento al seno (http://mami.org/sam-cos-e/).

Quest’anno, il MAMI ha deciso di celebrare l’appuntamento con un Flash Mob che si svolgerà in contemporanea in moltissime altre città d’Italia.

 

Cosa succederà?

 

Indosseremo una maglietta bianca e ci ritroveremo tutte in PIAZZA NAGY a POGGIBONSI, alle ore 10,30 di SABATO 4 OTTOBRE, per…una bella poppata di gruppo!

 

Non vogliamo solo mamme allattanti! Vogliamo molto di più! Mamme che hanno allattato al seno o che non hanno allattato, babbi, nonni, zii, amici…tutti coloro che desiderano una cultura dell’allattamento in cui sia “normale” vedere molte mamme allattare i propri bambini, che credono  che allattare sia un gesto che dona benefici ai singoli e all’intera società e che intendono dare il loro contributo contro i pregiudizi culturali che ancora troppo influenzano una condizione così preziosa.

Le mamme che hanno allattato figli che adesso sono grandicelli, possono partecipare alla poppata attaccando alla maglietta una fotocopia di una foto di un loro momento di allattamento.

Sarà un’occasione speciale, proprio perché l’evento si svolgerà alla stessa ora in tutta Italia…un momento per sentirsi uniti dal filo invisibile di ciò in cui crediamo e sentiamo.

 

Noi mamme di Nonsololatte saremo con voi per rispondere alle vostre domande o semplicemente per condividere le vostre esperienze.

Avremo la partecipazione dei lettori volontari del gruppo di NATI PER LEGGERE di Barberino e Tavernelle, con uno spazio in cui si terranno letture ad alta voce.

 

E se piove?

L’appuntamento si sposta nella sala “LA GINESTRA” in Via Trento.

flash-mob-SAM2014-NonSoloLatte

Mi raccomando…diffondete quanto più possibile, accorrete numerosi e…facciamo notizia!

Vi aspettiamo a tutte Sabato 4 ottobre alle ore 10,30 in p.zza Nagy a Poggibonsi!

 

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Maggio: Mi FASCIA capire….

Print

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Aprile…W LA PAPPA!

Print

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

IL SONNO DEI BAMBINI

locandina-marzo-2014-colore

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Buone feste!

A tutte le mamme, i papà, i nonni e le nonne che ci seguono,

a tutte le professioniste e i professionisti che ci aiutano nel nostro lavoro di peer counselor,

a tutti quelli che per ogni nascita vedono rinnovarsi il miracolo della speranza,

Buon Natale!

babbo-natale-bambino

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Il sonno dei bambini è una cosa seria!!

Riportiamo la lettera che l’Associazione culturale pediatri ha indirizzato al Garante per la protezione dell’Infanzia.

Protestando contro alcune scene trasmesse dalla trasmissione “SOS Tata”, sono puntualizzati molti temi importanti sul sonno dei bambini e le cure prossimali.

Fonte:http://www.acp.it/2013/09/lettera-aperta-al-garante-per-la-protezione-infanzia-e-adolescenza-vincenzo-spadafora-7292.html

 

LIMITARE ESPOSIZIONI DEI MINORI NEI REALITY SHOW

 

22 settembre 2013


Gentile dottor Spadafora,
siamo un gruppo di persone, genitori e non, e di associazioni che si occupano di allattamento, sostegno alla genitorialità, salute materno-infantile.
La contattiamo dopo essere rimasti letteralmente sconcertati da alcune scene mandate in onda sabato 14 settembre, su La 7, durante la trasmissione SOS TATA che andiamo a descrivere.
In questa trasmissione, un bimbo di appena 12 mesi veniva lasciato piangere solo nel suo lettino, chiuso in camera, perché si addormentasse.
Il bimbo aggrappato alle sbarre del letto gridava, sudato, disperato, terrorizzato, con la telecamera puntata su di lui per vari minuti.
Nel frattempo, la mamma veniva intrattenuta in cucina dalla Tata rassicurante, mentre il fratellino maggiore si tappava le orecchie.
Finalmente alla mamma è stato permesso di andare dal bimbo, mettergli il ciuccio e adagiarlo sotto le coperte.
Il bimbo a questo punto rallentava il pianto, guardava la mamma, tenendole le braccia in cerca di conforto… ma la madre, secondo le indicazioni della tata, se ne andava via, rilasciandolo solo.
Il bimbo, deluso, ripiombava in un pianto ancora più straziante.
Dopo altri interminabili minuti, il bimbo sfinito non piangeva più e si addormentava.
Esprimiamo ancora una volta il nostro dissenso per i metodi per “educare i bambini piccoli a dormire” che si basano sull’estinzione graduale del pianto.
Sappiamo ormai dalla ricerca scientifica, se non bastasse il buon senso, che la fisiologia dell’essere umano prevede che riceva delle cure di tipo prossimale da parte della madre e degli adulti che se ne prendono cura, e che la pretesa che un bambino piccolo si addormenti da solo e dorma per tutta la notte senza richiedere la presenza e il contatto dell’adulto, oltre ad essere anti-fisiologica ed irrealistica, può provocare confusione nei genitori e grande stress nei bambini.
Questi metodi possono minare fin dalla primissima infanzia la fiducia negli adulti e quindi in se stessi e interferire con lo stabilirsi di una sana relazione genitori-figli, oltre ad interferire (se il bambino è piccolo) con l’allattamento al seno.
Esistono altre modalità di accudimento, più rispettose della fisiologia del sonno e dei bisogni irrinunciabili dei bambini molto piccoli.
Riteniamo che sia pericoloso e fuorviante promuovere in TV il ricorso a questi sistemi, senza che ai genitori vengano date informazioni complete e coerenti, affinché possano compiere decisioni informate.
Chiediamo quindi che le redazioni televisive si facciano carico di questa responsabilità.
Soprattutto, poi, pensiamo che puntare la telecamera su di un bambino piccolo, solo, stravolto, terrorizzato, e trasmetterlo indiscriminatamente a milioni di telespettatori, sia una violazione della dignità e dei diritti del bambino, compreso  quello dei bambini che magari stavano guardando la TV a casa.
A questo proposito, ricordiamo che nella Carta di Treviso (protocollo firmato il 5 ottobre 1990 da Ordine dei giornalisti, Federazione nazionale della stampa italiana e Telefono azzurro con l’intento di disciplinare i rapporti tra informazione e infanzia) si dice:  5) il bambino non va intervistato o impegnato in trasmissioni televisive e radiofoniche che possano lederne la dignità o turbare il suo equilibrio psico-fisico, né va coinvolto in forme di comunicazioni lesive dell’armonico sviluppo della sua personalità, e ciò a prescindere dall’eventuale consenso dei genitori;
La visione di scene di questo tipo, potrebbe alimentare, in un pubblico adulto predisposto, pericolosi atteggiamenti di voyeurismo e sadismo nei confronti del dolore infantile.
Chiediamo quindi all’Authority di intervenire, prendendo posizione contro i metodi di estinzione graduale del pianto e la loro promozione verso i genitori, e ponendo regole più severe per l’esposizione di bimbi molto piccoli nei reality show, in modo che mai più vengano trasmesse scene in cui questi ultimi sono sottoposti a situazioni stressanti e angoscianti, od umilianti, pur col consenso dei loro genitori. 

Confidando in una sollecita e positiva risposta,

Associazione Culturale Pediatri (ACP), Gruppo Allattando a Faenza, IBFAN Italia, Il Melograno Centri Informazione Maternità e Nascita, Movimento Allattamento Materno Italiano, Un Pediatra Per Amico,
Associazione Nascere in casa Umbria Onlus, Associazione Nascere Insieme, Rita Gatti e Grazia Pompilio – Responsabile e Ostetrica Consultorio Familiare Loreto (AN) – ASUR Marche – Area Vasta 2, Associazione Futura di Parma, Associazione Mamme Amiche (Firenze), Mamme in radio, Progetto Ohana (Bologna), Gruppo Aiuto allattamento Materno (Modena), Gruppo Maternage delle Balate (Palermo), Confederazione Italiana Pediatri (CIPe), Federgenitori.

 

Bibliografia
• CARTA DI TREVISO per una cultura dell’infanzia – Documento CNOG/FNSI del 5 ottobre 1990 aggiornato con delibera del CNOG del 30.3.2006 (http://www.odg.it/content/minori)
• Fogli informativi sul sonno dei bambini a cura dell’Infant Sleep Information Source
(http://www.isisonline.org.uk/pdf_info/), in particolare quello sullo “Sleep Training”
(https://www.dur.ac.uk/resources/isis.online/pdfs/ISISPDFsleeptrainingJuly2013.pdf )
• https://www.facebook.com/notes/non-solo-tate/comunicato-ufficiale-per-dissociarsi-da-alcuni-contenuti espressi-nelle-trasmiss/114965425326804
• Moschetti A.M., Tortorella M.L., L’estinzione graduale risolve i problemi di sonno dei bambini? Tratto dai Quaderni dell’Associazione Culturale Pediatri 2006; 13(6):264-266
• Alessandra Bortolotti, E se poi prende il vizio? Pregiudizi culturali e bisogni irrinunciabili dei nostri bambini, Il leone verde, 2010
• Grazia Honegger Fresco, Facciamo la nanna. Quel che conviene sapere sui metodi per far dormire il vostro bambino, Il leone verde, 2006
• James Mac Kenna, Di notte con tuo figlio. La condivisione del sonno in famiglia, Il leone verde, 2011

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Premio Nesi

Care amiche di Nonsololatte, la nostra Associazione ha deciso di partecipare ad un concorso indetto dalla Fondazione Nesi di Livorno che mette a disposizione del vincitore € 3000,00.

Il premio “è finalizzato alla valorizzazione ed al sostegno di persone…. che si siano distinti nel campo dell’emancipazione delle persone e delle comunità attraverso servizi ed attività socio-educativo-culturali”.

Chiediamo pertanto alle mamme che ci hanno seguito e sostenuto, o che hanno ricevuto sostegno da noi in tutti questi anni, un piccolo pensiero (scritto a nonsolo.latte@yahoo.it) sulla nostra Associazione e sul nostro operato.

Grazie!!!

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Settimana dell’allattamento materno 2013

Settimana Mondiale per l’Allattamento Materno. Sostenere l’Allattamento: vicino alle madri

Dal 1 al 7 ottobre a Campostaggia le mamme diventano “consigliere”

Corsi di formazione che insegnano alle mamme a sostenersi fra loro

 

Diffondere fra le neo-mamme la pratica dell’allattamento al seno mettendo in campo le risorse e l’esperienza che solo altre madri possono dare: è questa la marcia in più dell’iniziativa formativa che si svolge dal 1 al 7 ottobre all’Ospedale di Campostaggia, in occasione della Settimana Mondiale 2013 per l’Allattamento materno intitolata “Sostenere l’Allattamento: vicino alle madri”.

La formazione, svolta da ostetriche e consulenti professionali in allattamento dell’ospedale di Campostaggia, riguarda  un gruppo di madri che volontariamente hanno deciso di prestare aiuto e sostegno ad altre mamme che potrebbero averne necessità. Successivamente, la stessa formazione sarà organizzata per le peer counsellor volontarie presso l’Ospedale di Nottola.

Questo progetto è già stato sperimentato con successo all’Ospedale di Poggibonsi nel 2007 con la formazione di peer counsellor, alcune di loro ancora oggi attive, che si sono costituite poi nell’associazione “NON SOLO LATTE: mamme per amiche” e che, in rete con la struttura e con gli operatori sanitari valdelsani, forniscono sostegno telefonico e di persona alle madri,  partecipano ai corsi di accompagnamento alla nascita,  organizzano  “incontri con l’esperto” su argomenti vari di salute di madri e bambini ed hanno creato un blog (http//nonsololatte.myblog.it), frequentatissimo dai nuovi genitori e dalle famiglie (info e-mail nonsolo.latte@yahoo.it).

Quest’anno la Settimana per l’Allattamento Materno si concentra proprio sul tema del sostegno fra pari per l’allattamento e la genitorialità e mette in evidenza come la creazione di community di donne formate per dare assistenza e supporto alle altre madri si è dimostrato altamente efficace per aumentare i tassi di allattamento al seno e la sua durata nel tempo.

Gli ospedali di Nottola e Campostaggia, riconosciuti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e da Unicef “Ospedali amico del bambino”, sono storicamente impegnati nella promozione e nel sostegno dell’allattamento al seno che è una delle più importanti strategie di promozione della salute per l’intera popolazione.  Tutto il personale dei due punti nascita AUSL 7 in Val d’Elsa e in  Val di Chiana si adopera costantemente per mantenere gli standard raggiunti e per ottimizzare le pratiche assistenziali rivolte alle mamme e ai loro figli, con l’obiettivo di riuscire a riconfermare nel tempo l’elevata qualità dell’assistenza fornita nel percorso materno-infantile.

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Breastfeeding. It’s natural!

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Incontro con l’esperto

pasqua_bambini.jpg

Cari genitori,
argomento del prossimo incontro sarà il PARTO quindi per chi è in gravidanza e per chi ha intenzione di allargare famiglia vi suggeriamo di non mancare all’ appuntamento (organizzato in collaborazione con I Melagrani) di 
sabato 6 aprile presso la Sala Conferenze dell’Ospedale di Poggibonsi(piano -1,subito sopra l’ingresso).
Il relatore sarà Barbara Grandi,
il titolo dell’incontro “Tutto quello che le donne dovrebbero sapere sul parto“.
Vi aspettiamo alle 16,30 per un paio d’ore di informazioni che potrebbero cambiare la vostra idea di maternità e di paternità.

Con l’occasione desideriamo far arrivare a voi e alle vostre belle famiglie i nostri più cari auguri di Buona Pasqua e di serenità!

locandina.PNG


Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento